CLASSE OPERAIA IN PARLAMENTO

La destra si riorganizza su basi nazifasciste in tutta Europa e nel mondo. Essa è la testa d’ariete per riportare indietro le lancette della storia, usata dal Complesso Militare Industriale Trumpista, a suo tempo denunciato dal Presidente Usa Eisenhower.
Terrorismo, aggressioni fisiche, attacchi sociali ed economici contro le masse popolari da un lato e dall’altra concessioni, visibilità e legittimità al nuovo nazifascismo dei Casapound e Forza Nuova: il Governatore della Sicilia è esponente storico del Movimento Sociale, mentre il candidato del Centrodestra alla regione Lombardia è apertamente razzista.
Ogni nuovo ordinamento politico economico che si costituisce, si dota di regolamenti che lo rispecchiano e che lo contraddistinguono. Per capire dove il Complesso Militare Industriale Trumpista vuole ricondurre indietro la società basta vedere sotto quale bandiera cerca di indirizzare oggi le lotte: razzismo, nazifascismo, xenofobia e terrorismo.
Il Centro Gramsci di Educazione fa appello a tutte le forze politiche di centro-sinistra comuniste popolari e socialiste impegnate nelle prossime elezioni nazionali, invitandole a portare fisicamente in Parlamento i migliori figli della classe operaia, perché solo la classe operaia può trasformare la società, essere garante della democrazia e spingere verso un reale cambiamento economico, sociale e civile.
Operai, ricercatori e giovani studiosi sono la forza vitale della società da far vivere ed operare anche nelle aule istituzionali.
Il lavoro, lo studio e la scienza delle astroparticelle esistono, lottano e palpitano soprattutto in Italia e possono favorire le sue istituzioni e quelle della nuova Europa.

Teramo, 22 gennaio 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *